HOME PAGE ASVT

                Logo Mibact 2019            

Domenica di carta 2020

Nel rispetto delle misure di sicurezza l’accesso è consentito solo su prenotazione - Tel. 0761253140 o as-vt@beniculturali.it

L’Archivio di Stato di Viterbo è riaperto al pubblico su prenotazione dal 18 maggio 2020, dal lunedì al venerdì, con orario ridotto dalle 9.00 alle 13.00 e nel pomeriggio di martedì dalle 15.00 alle 17.00.

Le visure e le ricerche catastali precedentemente sospese sono consentite su appuntamento da richiedersi con almeno due giorni di anticipo e, compatibilmente con la disponibilità di risorse umane dell’Istituto, contingentate nella misura di un solo utente al giorno.

Verificare dettagli e modalità di accesso all'Ordine di servizio n° 11 del 14 maggio 2020 contenente le misure per il contrasto e il contenimento del diffondersi del virus COVID-19 in previsione della riapertura.

Per quanti dovessero accedere per la prima volta in Archivio nel 2020 è possibile scaricare la domanda annuale di sala studio, editabile su pc, compilabile in anticipo per facilitare le operazioni di accesso


Con questo link, invece, è scaricabile il modello di autocertificazione necessario per poter essere ammesso in Archivio di Stato

RBWm


L'Archivio di Stato di Viterbo è un organo dell’Amministrazione archivistica del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo. Le sue funzioni ‒ come quelle degli altri istituti archivistici italiani, uno per provincia ‒ sono la tutela, la conservazione e la valorizzazione della documentazione storica preunitaria e postunitaria di natura territoriale.

È l’Archivio Centrale dello Stato che indirizza tali funzioni alla documentazione degli organi centrali dello Stato italiano dal 1860.

Per la parte preunitaria l’Archivio di Stato di Viterbo tutela e conserva la documentazione degli organi territoriali dello Stato pontificio riferiti a Viterbo e alla sua attuale provincia, la documentazione notarile a partire dal Medioevo e gli archivi delle corporazioni religiose soppresse dopo l’Unità. Per la parte postunitaria conserva parimenti la documentazione degli organi territoriali dello Stato unitario e inoltre la documentazione notarile anteriore agli ultimi cento anni.

Custodisce quindi la documentazione degli uffici giudiziari e amministrativi dello Stato, che sono tenuti a versare agli istituti competenti per territorio le carte relative ad attività esaurite da oltre trenta anni o, secondo accordi, documentazione più recente.

Conserva inoltre documentazione di valore storico di enti pubblici non statali e di soggetti privati (famiglie, persone, imprese).

La funzione della tutela è strettamente connessa con il compito di descrivere e riordinare gli archivi ed elaborare gli strumenti di ricerca (guide, inventari, basi di dati) al fine di mettere le fonti a disposizione degli studiosi.

La conservazione implica una corretta manutenzione, il giusto condizionamento delle carte e l’attività finalizzata al loro restauro.

Nell'ambito di una valorizzazione sempre più aperta alle esigenze dell'utenza e per una maggiore diffusione della conoscenza del patrimonio documentario, l'Archivio di Stato di Viterbo organizza convegni, mostre, presentazioni di libri, visite guidate, attività didattica dell'Istituto e nell'Istituto.

 

Palazzo papale. Scorcio da Piazza del Sacrario

Sala mostre e conferenze

ASVT - Sala mostre e conferenze





NUOVO ORARIO DI APERTURA AL PUBBLICO IN VIGORE DAL 18 MAGGIO 2020

   lunedì, martedì, mercoledì, giovedì, venerdì

dalle ore

9.00

alle ore

13,00

   martedì

dalle ore

15.00

alle ore

17,00


___________________________________________

Statistiche
RSS